Back to media 2009

Music and mp3's

2009 interviews

Musicians 2009

Musicians 1999

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 



 

..........................................................................

> > > >

Dopo che alcuni dei loro primi pezzi come "Stay" e "Darkness" ebbero catturato l'attenzione di Adrian Hates (Diary Of Dreams), gli Aesma Daeva si ritrovarono ad essere compagni di etichetta di alcuni di maggiori esponenti della musica gothic, grazie alla Accession Records Germany, che rilasciò il loro album d'esordio "Here Lies One Whose Name Was Written In Water" nel settembre del 1999. Dopo 10 anni, questo disco è diventato un classico per molti fan del genere.

Nella decade trascorsa dalla pubblicazione del primo album il gruppo ha subito molti cambi di formazione ed esplorato diverse prospettive. Hanno lavorato con il produttore Neil Kernon (vincitore di un Grammy Award), partecipato al Festival Obscuro al fianco di H.I.M. e Tristania, condiviso il palco con nomi del calibro di Nightwish e Kamelot e si sono imbarcati in tour nordamericano con i Therion nel 2007.

Questa edizione celebrativa dei 10 anni di "Here Lies One" comprende 8 tracce aggiuntive; un imprevedibile remake di "Stay? ad opera di Edward Davidson (Attrition, Orchard Of Comradery) fonde diversi elementi musicali e dà alla canzone un significato completamente nuovo, mentre il remix di "Introit II (reMind)" curato dal membro originario del gruppo N. Copernicus e da John Prassas evidenzia le originarie influenze industrial della band, fino a sfociare in un finale che suona come una Enya persa nei meandri di Matrix.
Il gruppo ha scelto una delle sue prime influenze, Kate Bush, rileggendo una delle sue canzoni come se fosse uno specchio imperfetto ed invisibile della sua essenza interiore. Questo remake enfatizza una nuova ritmica e possiede un carattere ancora più forte che riflette la profonda oscurità del brano originale.

Nel dicembre del 2007, un fan della band chiese di poter condividere una sua idea, aggiungendo un proprio solo di chitarra alla canzone intitolata "Darkness". "Quest'idea mostra un gran potenziale e, a mio avviso, ha afferrato completamente la sua essenza primaria", ha dichiarato John Prassas, fondatore della band. "Questa versione di "Darkness Arena" ci ha concesso l'opportunità di far convivere la line-up attuale con quella originaria. Quindi ho cominciato a lavorarci".

Seguendo le intenzioni originarie degli Aesma Daeva - unire liriche del passato alla musica di oggi - questo album riesce a far convergere la line up del passato con quella di oggi. Dopo 10 anni, il materiale sempre più ricco degli Aesma Daeva riflette una maturità musicale ed un desiderio incontrastabile di spingersi in avanti, affiancato da un apprezzamento nei confronti del passato. Aesma Daeva è una fenice che risorge dalle proprie ceneri.